Benvenuti nel 2059!

Siamo nell’anno 2059. Purtroppo, nonostante gli sforzi dei Governi per invertire la rotta, non è stato fatto abbastanza: le temperature a livello globale hanno raggiunto i 2,5 gradi sopra i livelli pre- industriali.

Il punto di non ritorno.


Ci troviamo in un mondo in cui l’urbanizzazione selvaggia ha preso il sopravvento, la
desertificazione si è mangiata la vegetazione, gli eventi climatici estremi stanno sconvolgendo la
nostra quotidianità e i mari hanno sommerso intere città costiere.
L’Europa, ormai diventata uno Stato Federale, è in contrapposizione con una Cina in prepotente
espansione che ha di fatto conquistato economicamente l’Africa, mentre negli USA si è consumato
il dramma: una violenta guerra civile ha distrutto il tessuto economico e sociale del Paese, che
ormai fa fatica a sopravvivere.
 

I social network sono ormai l’unica fonte di informazione e di intrattenimento. Nel panorama
italiano ci sono due figure che si distinguono: Sereana Tevi e, marginalmente, il suo fidanzato
Leonardo Orsini. Sereana ha 22 anni, studia agraria spaziale ed è originaria di Vanuatu, uno Stato
insulare del Pacifico ormai invivibile per via dell’innalzamento delle acque oceaniche. Leonardo ha
27 anni, è italiano e ha un’indole nostalgica: non a caso lavora in un’officina in cui ripara auto
d’epoca da collezione. Nel nostro nuovo format “Influencer dal futuro” vi racconteremo la loro vita
quotidiana, i loro progetti, le loro difficoltà e i loro sogni da ragazzi del 2059. Un periodo che
sembra anni luce distante da noi, ma che in realtà è più vicino di quanto sembri. Proviamo ad
immaginare a cosa andiamo incontro se non facciamo qualcosa, subito, per fermare il
riscaldamento globale.

influencer.png

I buoni propositi di Sereana per il 2059 sono senza dubbio ambiziosi: 

  • Riuscire a volare a New York per fare volontariato, approfittando della tregua della guerra civile che ha colpito gli USA. 

  • Impegnarsi con più costanza nello studio, finire gli ultimi esami e laurearsi finalmente in Agraria Spaziale con una tesi sulla coltivazione dei pomodori su Marte.

  • Migliorare la dieta e dare un taglio al cibo spazzatura che troppo spesso si è concessa nel 2058. Basta con i grilli fritti e gli scarabei sott’olio come aperitivo. 

  • Andare a vivere con @LeonardoOrsini! E perché no, magari prendere anche un piccolo animaletto domestico.

sereana2.png

Dopo le festività natalizie e il capodanno 2059, per Sereana è arrivato il momento di dedicarsi allo studio per la sessione invernale. 

 

L’ultima, si spera, della sua vita da studentessa di Agraria Spaziale. Il primo esame è Fertilizzanti 3, uno dei più difficili del suo corso. L'esame tratta dei nuovi fertilizzanti green inventati di recente, alcuni dei quali possono essere perfino impiegati nelle coltivazioni di frutta e verdura su Marte.

 

Archiviata la sessione invernale, Sereana ha approfittato di un po’ di tempo libero per concretizzare il suo grande sogno: volare negli Stati Uniti per fare volontariato con i bambini in difficoltà a causa della guerra civile.

Schermata 2021-01-30 alle 17.22.30.png

Sereana ha organizzato il viaggio assieme a Time For USA Onlus, che l’ha aiutata a trovare un centro a New York in cui poter dare una mano concreta durante l’estate del 2059. La data esatta di partenza ancora non c’è, ma grazie ai voli Milano-New York in 2 ore è possibile anche decidere all’ultimo. Ma cosa sta succedendo negli USA? Tutto è precipitato dopo il 6 gennaio 2021, quando centinaia di sostenitori dell’ex Presidente Trump hanno fatto irruzione al Campidoglio. Negli anni successivi è stato molto complicato invertire il moto popolare e le violenze che il Tycoon aveva aizzato, così nel 2040 la situazione è degenerata con l’elezione del Presidente Foxy. Dopo la sua nomina, le disuguaglianze economiche e sociali negli Stati Uniti sono diventate ancora più evidenti ed è scoppiata una violenta guerra civile. Sereana è molto stimolata all’idea di poter aiutare chi ha bisogno, ma allo stesso tempo ha paura di recarsi in un posto così pericoloso, nonostante la breve tregua degli scontri annunciata alla fine del 2058.

sereana 4.png

Dopo la decisione di Sereana di partire per New York già nel 2059, Leonardo, preoccupato per la fidanzata, non ha reagito particolarmente bene.

 

Tra i due è nata una litigata che si è placata dopo che Sereana si è fiondata in officina da Leonardo per chiarire faccia a faccia. Come già accennato, Leo lavora in questa enorme officina in cui ripara auto d’epoca: è come se fosse il suo parco giochi. Per farsi perdonare, il ragazzo ha deciso di portare Sereana in montagna (in un resort ai piedi di quello che resta del ghiacciaio Cevedale) a bordo del suo tesoro: una Fiat 500 a benzina del 2018. In teoria, dal 2040 le auto a carburante non possono più circolare, ma essendo considerata un cimelio d’epoca può essere portata ovunque. L’unica differenza è che c’è l’obbligo di tenere il QR Code al posto di quei rettangoli che chiamavano “targa”.

sereana 5.png
sereana plant mom.png

Sereana, come già anticipato, vive a Milano. Sul balcone del suo appartamento si trova una piccola ma rigogliosa serra, che la nostra influencer dal futuro ha realizzato mettendoci tempo e amore. Nel 2053 il Comune di Milano ha imposto ai cittadini di riempire almeno i tre quarti dei propri balconi e terrazze con fiori e piante. Questo perché le piante, attraverso i processi di fotosintesi, sono in grado di assorbire naturalmente la CO2 dall’atmosfera. Insomma, più vegetazione c’è e più migliora la qualità dell’aria: è come se i cittadini milanesi avessero unito le forze contro l’inquinamento. 
Da quando la misura è stata introdotta, insieme alle altre ancora più drastiche, la situazione sta gradualmente migliorando, con Milano che è diventata una città verde ed ecologica. Ora ci sono tantissimi palazzi con lo stesso stile del Bosco Verticale, orti urbani, parchi enormi, piste ciclabili e zone pedonali... e tra poco sarà finalmente completato l’hyperloop! Tra quello e la riapertura dei Navigli, Milano è una città pazzesca. E questo ha creato anche una bella sinergia tra centro e periferie, che sono migliorate un sacco fino a diventare più attrattive di alcune zone centrali. Nel 2059 Milano è ormai una città navigabile, e Serena sta pensando di comprarsi una barchetta.

sereana7@2x.png

Dopo una settimana di studio impegnativa, Sereana ha invitato a casa sua Valentina, una compagna di università, e si sono fatte portare un bell’hamburger a base di carne di manzo coltivata in laboratorio. Questi prodotti pensati per evitare la macellazione degli animali sono comparsi poco meno di trent’anni fa e diventati commerciali in poco tempo. All’inizio nei laboratori veniva utilizzato il siero fetale bovino (una specie di liquido ottenuto dai feti di mucche gravide nel processo di macellazione) come sostanza per nutrire e far moltiplicare le cellule che servono per creare le fibre di carne. Negli ultimi anni, però, anche questo siero è diventato totalmente vegetale e oggi non c’è alcuna traccia animale in questo bel burger. La carne vera è ormai diventata un lusso per pochi: si mangia ancora, ma dato che gli allevamenti intensivi non esistono più il prezzo è salito alle stelle, possiamo dire che oggi mangiare un filetto sia come nel 2020 mangiare del caviale. Il pranzo di Serena ha avuto un piccolo contrattempo, dato che il drone per le consegne a domicilio ha sbagliato condominio e si è perso per la città. Sereana ha raccontato la vicenda a #LeonardoOrsini, solito inguaribile nostalgico, che come sempre ha divagato e ha iniziato a raccontarle come avvenivano le consegne del cibo a casa ai tempi di suo padre nel 2020: in pratica le grandi città erano piene di ragazzi in bicicletta e in motorino che si spostavano da un palazzo all’altro per portare pizze, hamburger, sushi e chi più ne ha più ne metta. Oggi invece ci sono i droni che di solito sono super efficienti e ci mettono non più di 5 minuti a completare ogni consegna.

sereana8.png

Sono settimane intense quelle di febbraio per Sereana, passate a studiare in preparazione degli esami dell’ultima sessione prima della laurea in Agraria Spaziale. Per distrarsi, insieme al suo ragazzo #LeonardoOrsini si rifugia nelle sale per la realtà virtuale. Qui, grazie a dei visori di ultima generazione, è possibile vivere l’esperienza unica di entrare in altri mondi, per giocare assieme o esplorare un passato ormai perduto. Fino a pochi anni fa i visori erano diffusissimi e quasi tutte le famiglie ne possedevano uno. L’impatto sulla società era diventato pericoloso: le persone tendevano ad isolarsi, non volendone più uscire.

 

Nel 2052 una legge ha vietato l’uso privato dei visori limitandone l’utilizzo a delle sale apposite dove poterne fruire a tempo. In questi luoghi, Sereana e Leonardo hanno scoperto il fascino di un’epoca passata, quella dei primi decenni degli anni 2000, in cui era possibile prendere parte a tradizioni uniche che nel 2059 non esistono più. Il loro viaggio virtuale preferito è quello del carnevale di Venezia, che non si celebra ormai da tempo a causa dell’innalzamento progressivo del livello del mare che ha reso la città sempre meno vivibile.

sereana 9@2x.png

Sereana ha deciso: partirà per New York il 19 marzo. Come già detto, varcherà l’Oceano per fare volontariato e aiutare i bambini più in difficoltà per via della violenta guerra civile che ha colpito gli USA. La nostra influencer del futuro ha deciso di dedicare una domenica a una serie di letture per prepararsi al viaggio: vuole capire bene com’è nata la guerra civile, studiare gli usi e costumi del Paese, scegliere degli itinerari sicuri da percorrere (è vero che gli scontri sono momentaneamente in tregua, ma la prudenza non è mai troppa). Per farlo andrà nel nuovo mediastore che hanno inaugurato in cima al Bosco Verticale, qui a Milano: è il primo in Italia totalmente privo di libri di carta. Ormai è tutto digitale: si entra in quelle che ai tempi si chiamavano librerie e ci si connette a una rete Wi-Fi esclusiva che permette di accedere alle letture tramite smartphone, tablet e PC. Ma nel 2059 non avranno problemi agli occhi a furia di leggere solo sui device digitali? In realtà no, perché da qualche anno i monitor sono creati con dei filtri a luce blu incorporati, utili per schermare (impedendone il contatto con gli occhi) tutte le emissioni nocive di luce blu provenienti dai dispositivi. Non a caso, da quando le hanno introdotte il numero di persone costrette a mettere gli occhiali è calato del 40%. 
Quanto alla carta, pur avendo un impatto ambientale nettamente inferiore rispetto a tante altre alternative, nell’editoria non è praticamente più utilizzata. La realizzazione di un libro di carta tradizionale comportava mediamente l’immissione di 27 chilogrammi di CO2 nell’atmosfera e il taglio di 24 alberi. Nel 2045 è stato emanato un regolamento europeo che obbliga gli editori, per ogni libro, a non produrre più di 1.000 copie cartacee. I libri di carta sono quindi diventati quasi degli oggetti da collezione.

sereana 11@2x.png

Domenica 7 marzo 2059, Sereana e #LeonardoOrsini si sono goduti il derby di Milano direttamente dagli spalti del nuovissimo e luccicante stadio di San Siro, inaugurato proprio in occasione della partita. Il progetto del nuovo stadio è stato presentato quasi 40 anni fa. In quel periodo si era creato un dibattito sull’abbattimento dello storico Stadio Giuseppe Meazza, che nel 2020 fu dichiarato “non di interesse culturale”. L’abbattimento è poi avvenuto nel 2035. Nel frattempo stava sorgendo il nuovo stadio a Pioltello, ma il progetto ha subìto enormi rallentamenti per colpa di uno scandalo giudiziario sui cantieri che ha tenuto fermi i lavori per dieci anni: per certe cose, l’Italia non cambia mai…
Quando sono arrivati allo stadio, prima di entrare, Sereana e Leonardo si sono divincolati tra le proteste degli arbitri e dei guardalinee, rimasti senza lavoro. Nell’estate 2058, la FIFA ha infatti sostituito queste due figure con dei droni di ultimissima generazione, dotati di un algoritmo capace di azzeccare ogni scelta. Una volta seduti al loro posto, ai due ragazzi è stato consegnato un codice da inserire nell’app dello stadio. In questo modo hanno avuto accesso in tempo reale a tutte le informazioni sui giocatori (velocità, battito cardiaco, metri percorsi), che hanno dei microchip attaccati alle maglie in grado di collegarsi ai dispositivi degli allenatori e dei tifosi. 
Il risultato finale? Un pareggio, ma almeno l’Inter è tornata su alti livelli, dopo che la gestione del fondo arabo PIF ha fatto quasi fallire la squadra. E dire che i primi anni sembrava un sogno: Messi-Mbappé-Lautaro è stato il tridente più forte di sempre… Peccato che poi si sia scoperto cosa faceva bin Salman: con lui sono crollati il fondo, l’Arabia Saudita e l’Inter.
L’Inter è infine tornata in mani sicure e per di più italiane, il Presidente Cartasegna è veramente il primo dei tifosi.

sereana zaino.png

È domenica 14 marzo 2059 e mancano esattamente sette giorni alla partenza di Sereana, la nostra influencer del futuro, per New York, dove andrà a fare volontariato per i bambini più colpiti dalla guerra civile negli USA scoppiata diversi anni fa. Il 21 marzo 2059 sarà una data che non scorderà mai.

Sereana dedicherà questa domenica di fine inverno alla preparazione dei bagagli. Porterà con sé un piccolo zainetto all’interno del quale riuscirà a mettere gran parte dei vestiti della sua cabina armadio. Questo sarà possibile grazie a una tecnologia incredibile che hanno lanciato per via dei continui aumenti dei prezzi dei bagagli in stiva da parte delle compagnie aeree: si tratta di una sorta di lozione che permette ai vestiti di rimpicciolirsi e di infilarsi in spazi piccolissimi, e una volta tirati fuori riacquisiscono la loro dimensione normale (e non risultano stropicciati!).

Il suo secondo “bagaglio”? Una trousse piena di cibo italiano da portare con sé negli States. Non cibo fresco, chiaramente, ma cibo in pillole: ha lo stesso sapore di quello normale e occupa pochissimo spazio. Negli anni sono riusciti a migliorare tantissimo la qualità e il gusto di questi alimenti, che riescono a saziare esattamente come un piatto di pasta o una teglia di pizza. Sereana è ancora “team piatto caldo”, ma c’è chi preferisce le soluzioni in pillole, che sono state inventate principalmente per risparmiare plastica sugli imballaggi e produrre di conseguenza meno rifiuti.

Per il resto è tutto pronto. Il passaporto digitale c’è, il biglietto per il volo Milano-New York in 3 ore anche. L’avventura sta per iniziare.